Overblog
Editer l'article Suivre ce blog Administration + Créer mon blog
Voix Africaine

Le Griot des Etats Unis d'Afrique

EDITORIALE

Se degli sguardi si sono incrociati,
Se delle mani si sono strette,
se dei sorrisi si sono scambiati,
Allora più nulla deve essere come prima,
Allora più nulla sarà come prima,
L’altro è diventato un altro te stesso
L’altro è diventato tuo amico,
L’altra è diventata tua sorella,
L’altro è diventato tuo fratello,
E insieme
Si diventa Esseri Umani…
 
Siamo più che mai coscienti dell’’indifferenza con la quale la società contemporanea tratta le difficoltà delle popolazioni del sud del mondo, di questi 5 milioni di bambini che ogni anno muoiono per mancanza di aiuti, per malnutrizione, per insufficienza di cure.
 
Assistiamo a un fatto che dovrebbe ferire ogni conscienza! Con questo voglio dire che, quando una società acquista per centinaia di migliaia di dollari delle armi di distruzione di massa e, al contempo, resta indifferente alla morte, ogni anno, di questi 5 milioni di bambini, è un fatto più che inquietante, addirittura scandaloso per la coscienza umana!
 
Ringrazio le donne e gli uomini di buona volontà che, consci della sua gravità, dedicano la loro vita a sanare il disequilibrio che regna fra le popolazioni del nord e quelle del sud della nostra pianeta terra.
 
Una mia certezza: l’analfabetismo è la peggior forma di schiavitù e di sottosviluppo. Ma grazie a voi, alcuni giovani possono sottrarsi a questi flagelli che sono l’ignoranza, la malnutrizione e la carenza sanitaria. In questo modo, essi avranno la possibilità di affrontare il loro futuro.
 
E vero che è sempre più difficile mobilitarsi per una causa nobile quando tanti problemi ci assalgono quotidianamente.
 
Ma questa è una ragione supplementare perché noi tutti qui presenti siamo sempre più decisi ad apportare la nostra goccia d’acqua per creare ed alimentare un fiume di speranza, di solidarietà e d’amore, e che questo amore non sia solo una speranza per il futuro, ma un aiuto concreto, immediato, di oggi, per le ragazze ed i ragazzi delle scuole di Pikine e degli altri quartieri di Saint Louis del Senegal.
 
Un po’ di solidarietà puo dare un senso alla nostra vita, arricchirla, espanderla verso l’altro, e « dilatare il nostro cuore », (come diceva M Yourcenar, una grande donna e scrittrice), « alla misura della vita ».
 
Un po’ di solidarietà significa testimoniare a queste ragazzi che anche la loro esistenza è essenziale all’umanità!
 
Significa anche andare verso l’altro per conoscere l’altro e insieme noi stessi; fare di questo scambio un punto di riferimento della nostra vita…
 
Non si puo essere davvero felici restando confinati ciascuno nel proprio angoletto di benessere.
 
Anche se i beni materiali sono regali che riceviamo dalla nostra vita, rimane pero, secondo me, che il dono più prezioso e più essenziale alla vita sia quello spirituale e quello che si spinge verso gli altri.
 
La nostra spiritualità trasforma la relazione con gli altri e la conoscenza che abbiamo di essi e di riflesso con noi stessi.
 
Questo è il motto della Fondazione, ciò che la Fondazione Sylla Caap vuole trasmettere ad ogni essere umano, qualunque sia la sua razza, la sua religione, o il luogo del mondo in cui si trova.
 
Per la Fondazione Sylla Caap
Ibrahim Sylla Tati
 
 

 

 
 
 

Partager cet article
Repost0
Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :
Commenter cet article